Header

Valmalenco: B-ICE & Heritage

  icona per la stampa della pagina

È ufficialmente partito "B-ICE & Heritage" (acronimo di Bernina Ghiacciai e Patrimonio), il grande progetto Interreg che valorizza il patrimonio naturale e culturale delle regioni, italiane e svizzere, che stanno intorno al Pizzo Bernina (Valmalenco, Valposchiavo, Alta Engadina, Val Bregaglia) con particolare riguardo al tema del cambiamento climatico cui è legato anche il destino dei nostri ghiacciai.

Capofila del progetto l'Unione dei Comuni Lombarda della Valmalenco per l'Italia e Il Giardino dei Ghiacciai di Cavaglia per la Svizzera.

Mercoledì 13 marzo si è infatti riunito a Poschiavo, nell'elegante cornice della "Sala delle Sibille" dell'Hotel Albrici, il 1° Comitato di Pilotaggio del progetto, presenziato dai due capofila (Danilo Bruseghini, presidente dell'Unione dei Comuni e Romeo Lardi, presidente del Giardino dei Ghiacciai) con i partner beneficiari (per il comune di Lanzada era presente l'assessore Francesco Nana) in presenza del funzionario regionale delegato dall'Autorità di Gestione di Regione Lombardia.

Finanziato nell'ambito del Programma di Cooperazione transfrontaliera INTERREG V – Italia – Svizzera 2014-2020, B-ICE & Heritage punta alla valorizzazione di un patrimonio naturale e culturale di particolare pregio del territorio, con approcci innovativi rivolti al futuro. Un programma ambizioso che impegnerà nei prossimi tre anni i partner aderenti, in un'azione comune volta a promuovere in funzione culturale e turistica il vasto patrimonio naturale che accomuna questo territorio, attraversato da strade e valichi che da sempre hanno fatto di queste valli una "regione aperta" e unita sotto lo sguardo maestoso del massiccio del Bernina e dei suoi ghiacciai.